Indonesia- Sumatra_ Diario di Viaggio- Episodio 3- L’isola di Cubadak

Indonesia- Sumatra_ Diario di Viaggio- Episodio 3- L’isola di Cubadak

15 Agosto 2013

…Eccoci all’aeroporto di Medan, diretti nuovamente a Padang, da dove raggiungeremo l’isola di Cubadak.

Questa volta le formalità per il check in sono più veloci, paghiamo la tassa di uscita ( uscita da dove se prendiamo  un volo interno??) e siamo pronti per il volo.

Arriviamo a Padang in orario, alle 7.45 del mattino. Fuori dall’aeroporto ci aspetta un taxi, ci condurrà all’imbarco per l’isola di Cubadak che non è proprio dietro l’angolo…ci vogliono un paio d’ore di viaggio.

 

 

Il paesaggio lungo il percorso è splendido: piccoli villaggi, risaie, montagne, una vegetazione straordinaria.

La strada si snoda tortuosa lungo la costa per il primo tratto, poi attraversa una zona montuosa e infine torna verso il mare.

Arriviamo in un piccolo porticciolo di pescatori, il nostro taxista ci accompagna alla barca che ci condurrà sull’isola. Ad attenderci c’è Nanni, il proprietario del resort dove alloggeremo. E’ un signore sulla sessantina, Torinese,  che qualche anno fa a deciso di cambiare vita: innamorato dell’Indonesia e in particolare di Sumatra, si è trasferito ed ha costruito praticamente con le sue mani il resort a Cubadak.

Dopo circa 15 minuti arriviamo a destinazione…magnifico!!

L’isola a lunga circa 8 Km e larga 4, con colline alte circa 150 metri. La natura è rigogliosa e fittissima, con una varieta di piante meravigliosa. Ci sono anche parecchi animali nella zona più interna: scimmie, cinghiali, varani, grillo talpa. Gli abitanti sono pochissimi e, rispetto al resort, vivono dalla parte opposta dell’isola.

Veniamo accolti calorosamente da Federica, la compagna di Nanni. Il villaggio è molto bello…12 bungalow tutti sul mare, una struttura centrale che ha la funzione di ufficio e ristorante, un bel pontile con una casetta dotata di ogni confort per rilassarsi: divani, poltrone, tutto l’occorrente per prepararsi thè e caffè.

La  baia su cui si affaccia è splendida, si rimane incantati dai colori:  il blu del mare e il verde della giugla sono magicamente a contatto, la spiaggia bianca appare come un miraggio.

Conosciamo il resto dello Staff: Marc e Dominique che si occupano di gran parte dell’organizzazione e del Diving, Pen è il riferimento per ogni necessità e Al è il cuoco.

Ci viene assegnato il bungalow in fondo al villaggio! E’ perfetto, la spiaggia è a due passi e la pace regna sovrana…

Il bungalow è tutto in legno, c’è un soggiorno molto grazioso, il bagno con la doccia. Una scala conduce al soppalco dove c’è un comodissimo letto con zanzariera. Bello, semplice ma elegante. C’è ogni genere di confort, dalla cassaforte al frigorifero.

Sbrigate le formalità, gustiamo un’ottima colazione e alle 11 siamo in acqua per il primo bagno in mare! L’acqua è calda, c’è una piccola barriera corallina  ricca di  pesci colorati, bellissimo nuotare ed osservare lo splendore della natura; poi relax sulla spiaggia  fino  all’ora di pranzo: veramente delizioso, Al è un cuoco  speciale, con le indicazioni di Federica prepara piatti della tradizione locale influenzati dalla cucina italiana…il risultato vi assicuriamo che è eccellente!

Trascorriamo il resto della giornata sulla spiaggia, un secondo lungo bagno ci permette di vedere alcune meraviglie: una razza, due Lion fish e 2 aragoste!!

A metà pomeriggio thè e caffè con biscottini al molo, poi aperitivo con frittelle di verdure e infine un’ottima cena. Terminiamo la serata chiaccherando con Nanni, Federica ed alcuni ospiti, tra cui una coppia di Neozelandesi simpaticissimi che purtroppo partiranno domani. Il bello di questi luoghi così tranquilli e piccoli è anche quello di fare amicizia facilmente con tutti!

16 Agosto

Ci svegliamo molto presto pe vedere l’alba, è una cosa che a noi piace molto. Passeggiamo sulla spiaggia fino all’ora di colazione, ovviamente siamo i primi!

Alle 11 partiamo con la barca del diving e tutti insieme andiamo a fare snorkeling in una zona dove la barriera corallina è più grande; bellissimo bagno, stiamo in acqua quasi un’ora e mezza!

Rientriamo per il pranzo, una carbonara di tonno ci attende…e non è tutto! Proseguiamo con gamberi alla cinese e verdure miste, crostata al limone…delizioso!!!

Attività di spiaggia fino a sera…zero pensieri, zero problemi…ragazzi che meraviglia!!

17 e 18 Agosto

Le giornate a Cubadak passano veloci, tra un bagno e l’altro, tra una chiacchera e l’altra.  Facciamo amicizia con una coppia di nuovi ospiti romani, li avevamo già incontrati durante un volo interno alcuni giorni fà, piccolo il mondo vero?

Con loro facciamo lunghissimi bagni, anche perchè fà molto caldo e la cosa più gradevole è stare in acqua; i pesci sono veramente uno spettacolo: abbiamo avvistato un pesce scatola molto grande, il più grande che abbiamo mai visto, 3 trombette anche loro di dimensioni notevoli e tante altre coloratissime specie.

 

La cucina continua a deliziarci di piatti squisti…galantina di pollo, pasta alle melanzane, pesce in agrodolce, polpettine di pesce, bavarese al mango, crem caramel…come avrete capito la vita qui non è affatto male…

19 Agosto

Ieri pomeriggio è iniziato un temporale e ahimè, deve ancora smettere di piovere…piove piove piove tutto il giorno, senza tregua. Anche la temperature oggi è decisamente fresca, incredibile, sembra di essere in un atro luogo. Attendiamo pazientemente che smetta ma purtroppo la situazione migliora solo a tarda sera.

Domani è un altro gioro, speriamo vada meglio!

20 Agosto

Fortunatamente è tornato il sole! Evviva!

Oggi prevista un’escursione su un’isola vicina, Pangan. Faremo snorkeling e pic nic sulla spiaggia.

Partiamo poco dopo colazione con la barca del diving, traversata piacevole, il mare è calmo. Appena arrivati sull’isola aiutiamo a scaricare i vivieri per il pic nic e poi ci tuffiamo subito in acqua: il mare qui è più bello che a Cubadak, acqua di un blu intenso e fondali migliori, avvistiamo in pochi minuti 3 tartarughe bellissime.

A pochi passi dalla spiaggia c’è una piccola struttura affittacamere piuttosto bruttina e non molto pulita, sarà sicuramente economica ma ci và un po’ di coraggio per dormire qui, lo spirito di adattamento non basta; qualche altra casa privata e il villaggio è tutto qui.

Il pic nic è spettacolare, per pranzo c’è davvero ogni squisitezza, non sì può volere di più!

Un po’ di relax sulla spiaggia, un giretto nel villaggio, ancora un bagno ed è ora di rientrare, giusto in tempo per il thè delle 17 e l’ultimo raggio di sole!

La cena come sempre è deliziosa:  zuppa di pesce speziata, melanzane impanate, spiedini di pesce e mousse di cioccolato.

21 Agosto

Questa mattina i due ragazzi romani partono, hanno deciso di provare l’affittacamere di Pangan…sicuramente ci faranno sapere com’è.

Dopo averli salutati ci dedichiamo alla attività da spiaggia, durante il bagno nuotiamo fino ad un piccolo isolotto. Qui il mare è magnifico, c’è una leggera corrente ma nulla di che, tanti pesci bellissimi.

Rientriamo per pranzo: insalata russa, ali di pollo al miele, quicke alle patate e pancetta, frutta tropicale

Nel pomeriggio il cielo si rannuvola così decidiamo di oziare sul molo, guardare il mare è comunque una bellissima attività!

 

 

Durante la cena Nanni riceve una telefonata di saluto dai ragazzi di Roma, hanno già nostalgia di noi ma anche delle comodità del resort…speriamo riescano comunque a godersi la serata.

22 Agosto

Ci svegliamo con un bel sole quindi dopo colazione nuotiamo nuovamente fino all’isolotto, oggi il mare è spettacolare, avvistiamo due pesci scatola ( i nostri preferiti, sono bellissimi!!) e tanti altri dai mille colori. C’è bassa marea.

Dopo pranzo il cielo si rannuvola dinuovo così andiamo ad esplorare i dintorni, ci sono due sentieri che partono dal resort, interamente tracciati da Nanni. Il primo costeggia il mare e sale leggermente, il secondo porta in cima al picco sovrastante il villaggio. Percorriamo quello di costa, l’altro, viste le pioggie dei giorni passati è fangoso.

La vista è magnifica, tutta la baia è splendida. Purtroppo inizia a piovere, procediamo ancora un po’ ma il sentiero non è agevole e la pioggia aumenta, così rientriamo al villaggio.

E piove, piove, piove tutta la sera e tutta la notte…abbiamo capito come mai la zona ha una vegetazione così lussureggiante!

23 Agosto

Ultime ore a Cubadak, purtroppo la nostra bella vacanza è al termine.

Prepariamo le valigie, facciamo colazione e trascorriamo il resto della mattinata in spiaggia, godendoci il sole e il mare. Ali ci offre del cocco fresco, appena raccolto…Sì…qui si tra veramente bene.

Quando arriviamo al ristorante per il pranzo, Nanni ci consegna un pacco arrivato qui per noi…cosa sarà? Chi può mandarci un regalo qui? Lo apriamo incuriositi e scopriamo che Fikar, la guida del primo tour qui a Sumatra, ci ha inviato due scatole di croccanti alle arachidi che avevamo assaggiato con lui e che ci erano piaciuti molto…che pensiero gentile!! Fikar è una persona veramente speciale !!

Pranziamo con tutto lo staff, oggi Al ci delizia con gamberi alla griglia, spiedini di carne e riso, cavolfiore e una verdura locale mai vista  (un incrocio fra peperone lungo e melanzana), frutta tropicale a tocchetti ( una vera delizia, mangostini, ananas, mango, papaia, passion fruit, snake fruit…).

Alle 14 circa purtroppo arriva il momento dei saluti…con il magone ci congediamo dallo staff e dagli ospiti, Nanni ci accompagna con la barca al porticciolo dove ci aspetta il taxi per l’aeroporto. Arrivederci Cubadak, sei veramente un paradiso !!

Il tragitto per l’aeroporto è trafficatissimo, arriviamo un’ora dopo il previsto, abbiamo solo un’ora e mezza  di tempo prima che parta il volo!! Corriamo per tutto l’aeroporto e arriviamo trafelati al check in. Scopriamo che il volo è in ritardo ( non è una novità qui!) e quindi riusciamo a fare tutto tranquillamente.

Arriviamo a Jakarta ovviamente in ritardo; scopriamo di dover rifare il Check in perchè i voli internazionali qui non possono essere”collegati” ai voli interni per procedure diverse ( ?), quindi dobbiamo ritirare i bagagli, rifare tutto e correre nuovamente…arriviamo al gate per Doha appena in tempo, l’imbarco sul volo è quasi terminato!

A Doha abbiamo uno stop di quattro ore, ne approfittiamo per acquistare alcuni sovenir, poi prendiamo l’ultimo aereo per Milano…il nostro viaggio si conclude qui…

Torniamo a casa carichi di bei ricordi e di un’esperienza particolare, Sumatra ci ha permesso di entrare in contatto con una realtà e cultura molto diversa dalla nostra, ci sentiamo arricchiti ed entusiasti…il bello di un viaggio è anche questo no?

 

 

 

 

 

 

http://www.cubadak-paradisovillage.com/contact_us.asp

No Comments

Post A Comment